Lapsus verbale del cantante. Vediamo che cos’è e perché accade

Molti avranno visto il video dello scherzo a Fedez da parte delle Iene e il suo socio J-Ax, diventato virale a causa del pianto di sfogo del cantante a fine scherzo (potete vedere il video integrale sul sito delle Iene).

Fedez accusato di far parte del tanto criticato secondary ticket cerca di far valere la sua innocenza ed estraneità al caso.

Ma quanti di voi si sono accorti di questo lapsus verbale sottolineato nel nostro video mentre Fedez tenta di giustificarsi con Viviani?

“Ti apro le porte della mia email. Ti faccio NON vedere tutto”

Il lapsus verbale solitamente viene considerato come Segnale di Tensione, in questo caso abbiamo anche un segnale di Incongruenza.

L’incongruenza manifestata tra ciò che vorrebbe dire, coerentemente al contesto e ciò che precede la frase, e ciò che realmente dice.

 

Lapsus

Freud ritiene che le ragioni di questi lapsus siano da cercare soprattutto in influenze esterne alla frase e che risiedono nell’inconscio.

In questo caso l’incongruenza verbale con il significato che invece vorrebbe realmente dare alla frase, espone cosa realmente la mente del cantante vorrebbe, ovvero NON far vedere tutto alla Iena.

Probabilmente Fedez stesso non si è accorto di aver detto quel NON perché quando abbiamo un lapsus, sbagliamo, ma siamo convinti di aver detto la frase corretta.

Altro esempio per chiarire il concetto di Lapsus Verbale potremmo sentire il capo dire “Ora che ci siamo tutti, possiamo finire la riunione” esprimendo il contrario del concetto “iniziare la riunione”. Questa frase potrebbe esprimere una inconsapevole volontà di chi parla di  finire al più presto per fare  probabilmente qualcosa per lui più importante.

Altri lapsus linguistici possono essere semplicemente il mangiarsi le parole o allungare le lettere in una frase: tutti segnali che mettono in evidenza che quello che sta dicendo  provoca tensione al parlante.

Incongruenze

Le incongruenze tra non verbale e verbale (es. “stai bene?” “Si” – scuotendo la testa in un no, oppure “Quante caramelle hai mangiato?”” Solo 2 ” – indicando 3 con le dita) o tra gli stessi segnali  possono essere considerati segnali di falso (bugia), ma attenzione a non accusare senza indagare!

Il segnale di falso deve essere solamente un campanello d’allarme che deve attivare una nostra curiosità ad approfondire eventualmente l’argomento trattato per attingere informazioni da altri segnali.

Quindi …Buona ricerca di segnali!

Elena Gregori

 

Ti potrebbero interessare:

 

Commenti Facebook

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: