Dopo aver frequentato un buon corso di Comunicazione Non Verbale, una delle prime occasioni in cui si può sperimentare l’efficacia di questa scienza è il momento delle presentazioni. È incredibile quanto frequentemente ci capiti di presentarci ad uno sconosciuto (al lavoro e nella vita privata), ma quanto poco dedichiamo attenzione a rendere quel momento più […]

Read More

In questa foto l’espressione di Taylor Swift denota un chiaro disgusto. Per diventare sempre più abili nell’identificare a colpo d’occhio quale emozione stia provando la persona che abbiamo di fronte in un determinato istante è opportuno spendere qualche parola sulle microespressioni e sul loro modo di manifestarsi. Come studiato e riportato da Paul Ekman, le microespressioni […]

Read More

Prima di frequentare il corso di Comunicazione Non Verbale e addentrarmi nello studio di questa disciplina difficile da imparare e densa di significati nascosti, non facevo minimamente caso a quanto la prima impressione potesse condizionare il giudizio immediato che gli altri si formano su di noi. Allo stesso modo, non avevo mai realizzato quanto la […]

Read More

Questa foto, che ritrae George Bush e Hillary Clinton abbracciati, è stata scattata al funerale di Nancy Reagan. Nonostante il contesto poco felice, dall’analisi di questa immagine si evince che i sorrisi di entrambi sono sinceri. Grazie a quali elementi riusciamo a capire che i sorrisi di entrambi sono sinceri? Partendo dall’analisi Non Verbale di George […]

Read More

  Le espressioni facciali e i sorrisi hanno lo stesso significato presso quasi tutti i popoli. Come analizzato da Paul Ekman, i vari stati d’animo vengono interpretati da ogni cultura allo stesso modo. L’analisi è stata riconfermata e documentata anche da un’altra ricercatrice: Linda Camras, la quale, valutando le risposte facciali di un campione di […]

Read More

  Il Presidente Barack Obama, sempre molto attento alla Comunicazione non Verbale e ai gesti, in questa immagine commette un errore abbastanza evidente. Posizionare la mano sulla spalla del proprio interlocutore equivale ad invadere lo spazio altrui, specialmente in un momento cruciale come questo. Solo nel caso in cui l’altro lo autorizzi (per esempio nel […]

Read More

Con il termine prossemica ci si riferisce a come l’uomo struttura inconsciamente i propri microspazi, sia che si tratti delle interazioni con l’altro, che dell’organizzazione dello spazio della propria casa e così via. La distanza in base a cui l’uomo regola i rapporti interpersonali è regolata da una sorta di “bolla”: uno spazio vitale che […]

Read More